Suicidio Chris Cornell : La moglie Vicky racconta gli ultimi momenti al telefono

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

La moglie di Chris Cornell, Vicky, come riportato dalla testata scandalistica TMZ avrebbe reso noti gli ultimi momenti vissuti al telefono con il marito.

L’ultima conversazione fra i due sembrerebbe risalire a circa 30 minuti prima il ritrovamento del corpo nella stanza d’albergo di Detroit. Vicky in particolare ricorda di aver detto al marito dei problemi che aveva notato alle luci della sua abitazione (che Cornell poteva controllare con un app del telefono), chiedendogli se fosse stato lui a manovrare qualcosa e ricevendo una risposta negativa.

Ted Keedick (posizionato al mixer a centro sala al Fox Theatre di Detroit), che ha lavorato con il frontman negli ultimi dieci anni come ingegnere del suono e Tour manager, avrebbe riferito sempre a TMZ, “Chris era strano fin dalla prima nota dello show. Non l’ho mai sentito in quel modo prima. Era alterato, ma non depresso”.

Anche Vicky aveva notato la stranezza del modo di parlare di Chris, che biascicava le parole ed era arrabbiato con i propri tecnici del suono per non avergli sistemato i suoi auricolari in-ears nonostante avessero avuto 3 giorni di tempo : “Non riuscivo a sentire. Mi sono rovinato la voce. Me la sono rovinata!”

Sempre più preoccupata, la vedova Cornell avrebbe continuato a chiedere al marito quale fosse il suo stato d’animo : “Ero molto arrabbiato ed ho preso solo 2 Ativan. Ero molto arrabbiato e dovevo calmarmi.”

“Devo sapere cosa hai preso. Non mi pare solo Ativan. Sembra altro. Devi dirmi cosa hai preso, ti perdono.”

Cornell si sarebbe mostrato aggressivo, riportandola con la mente a 14 anni prima, quando Chris abusava di Oxycontin ed era andato molto vicino alla morto. Lei avrebbe successivamente chiesto al bodyguard di buttare giù la porta, usando un secondo telefono pregando la security di buttare giù anche la porta all’ interno della stanza. Urlava. “Lui sta avendo un attacco di cuore!”

Sembra che Vicky fosse ancora al telefono con il bodyguard mentre buttava giù la seconda porta e trovava il corpo di Chris impiccato ad una benda elastica. La donna ha riferito che sono trascorsi circa 30 minuti da quando ha attaccato la chiamata con il marito a quando la guardia del corpo l’ha ritrovato.

Alcune voci sembrerebbero riferire di segni di aghi freschi sulle braccia di Cornell, cosa smentita dalla moglie che dice di non averlo mai visto utilizzare droga per venosa e di essere stata con il compagno pochi giorni prima in giro a piedi per New York, senza notare nulla di tutto ciò.

Share.

Leave A Reply